SERVIZI
MENU
centro per l'impiego
Collocamento mirato - Cosa serve per accedere

DISABILI

  • Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro resa al Centro per l’Impiego di residenza o domicilio e possesso della relazione conclusiva rilasciata dalla Commissione di accertamento delle condizioni di disabilità l. 68/99.
  • Verbale di invalidità rilasciato dalle competenti commissioni mediche.
ALTRE CATEGORIE
  • Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro resa al Centro per l’Impiego di residenza o domicilio.
  • Il certificato (in originale o copia conforme) elencato a fianco delle sottocitate categorie protette:
    • Orfani di guerra: certificato d’iscrizione nell’elenco generale tenuto a cura del Comitato provinciale dell’Opera Nazionale Orfani di guerra presso la Prefettura;
    • Orfani di caduti per causa di servizio: dichiarazione dell’Amministrazione presso la quale il caduto, prestava servizio;
    • Orfani di caduto per causa di lavoro: dichiarazione dell’INAIL attestante che il genitore è deceduto per causa di lavoro;
    • Orfani equiparati: dichiarazione attestante che il genitore è Grande invalido, rilasciata dall’ONIG per gli invalidi militari o civili di guerra, dall’INAIL per gli invalidi del lavoro, o dalla Pubblica Amministrazione di appartenenza per gli invalidi per servizio purché beneficiari di pensione privilegiata di 1a categoria. Gli orfani ed i figli delle persone riconosciute grandi invalide per causa di guerra, di servizio e di lavoro possono iscriversi solo se, al momento della morte del genitore oppure al momento in cui lo stesso è stato riconosciuto permanentemente inabile a qualsiasi attività lavorativa, erano minori o di età inferiore a 26 anni purché studenti universitari a carico.
    • Vedovi di guerra: dichiarazione rilasciata dalla Direzione generale delle pensioni di guerra, nella quale deve essere esplicitamente dichiarato il godimento della pensione di guerra;
    • Vedovi dei caduti per causa di servizio: dichiarazione dell’Amministrazione presso la quale il caduto prestava servizio;
    • Vedovi dei caduti per causa di lavoro: dichiarazione dell’INAIL attestante che il coniuge è deceduto per causa di lavoro;
    • Vedovi equiparati: dichiarazione attestante che il coniuge è divenuto permanentemente inabile a qualsiasi lavoro per fatto di guerra, o per servizio, o per causa di lavoro, rilasciata dall’Amministrazione o Ente competente
    • Vittime del terrorismo e della criminalità organizzata: certificato del Prefetto del luogo di residenza. Le persone appartenenti a tale categoria possono iscriversi negli elenchi anche se non in possesso dello stato di disoccupazione.
    • Profughi: attestazione di tale condizione rilasciata dalla Prefettura della provincia di residenza.
linea

IL REQUISITO DELL’ISCRIZIONE NEGLI ELENCHI DEL COLLOCAMENTO MIRATO È INDISPENSABILE PRIMA DELL’ASSUNZIONE AI SENSI DELLA LEGGE 68

linea