MENU
Domande frequenti
F.A.Q. - Le domande frequenti dei cittadini

D: Quali sono gli orari d’apertura degli uffici della Provincia?
R: Gli uffici della Provincia di Novara sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì: 9:00 – 13:00, il lunedì e il giovedì anche: 15:00 – 16:30

D: Dove hanno sede gli uffici della Provincia?
R: La sede centrale e legale si trova in Piazza Matteotti, 1 – 28100 Novara
Gli uffici tecnici si trovano in Via Greppi, 7 – 28100 Novara
Gli uffici degli assessorati all’ambiente, all’agricoltura, alla formazione professionale e al lavoro si trovano in Corso Cavallotti, 31
Gli uffici dei Centri per l’Impiego si trovano in via San Francesco d’Assisi, 12 – 28100 Novara e via Ugo Foscolo, 2 – Borgomanero

D: Come posso fare per ottenere il patrocinio della Provincia di Novara?
R: Per richiedere il patrocinio della Provincia Novara, ottenendo il diritto ad utilizzare il nome e lo stemma dell’Ente su tutta la documentazione inerente l'iniziativa patrocinata, è necessario inoltrare una semplice domanda, 30 giorni prima dello svolgimento della manifestazione, contenente i dati del richiedente e illustrando le finalità, i contenuti e il programma dell'iniziativa, nonché la data e il luogo di svolgimento.
La richiesta dovrà essere inoltrata al Presidente della Provincia o agli Assessori compenti per materia che valuteranno la compatibilità dell’iniziativa per la quale viene richiesto il patrocinio con le finalità istituzionali dell’Ente.

D: Come posso sporgere un reclamo?
R: Tutti i cittadini che vogliono evidenziare disservizi lo possono fare oralmente, telefonicamente, per iscritto, via fax o posta elettronica , avvalendosi dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico.
Entro trenta giorni dalla presentazione del reclamo, gli Uffici interessati riferiranno all'utente o all'Ufficio Relazioni con gli Pubblico, che predisporrà la risposta, ogni utile informazione circa gli accertamenti compiuti, indicando altresì i termini entro i quali la Provincia interverrà alla rimozione delle irregolarità, se riscontrate.

D: In che modo posso vedere o avere copia dei documenti che mi riguardano?
R: Tutti i documenti amministrativi sono accessibili (tranne quelli espressamente esclusi per legge o regolamento) e alcuni atti (delibere, determine, bandi e avvisi) possono essere consultati direttamente nell’albo pretorio.
Se il documento non è pubblico occorre presentare una domanda di accesso agli atti compilando l’apposito modulo.
La richiesta può essere:
- recapitata di persona
- inviata tramite e-mail (urp@provincia.novara.it)
- per fax (0321.378 325)
- per posta ordinaria
Entro trenta giorni gli uffici valuteranno l’ammissibilità della richiesta d’accesso e provvederanno, sussistendo tutti i presupposti richiesti dalla legge, a rilasciare copia o a consentire la visione degli atti.

D: Se ritengo che la Provincia abbia in qualche modo leso i miei diritti, a chi mi posso rivolgere?
R: Qualora un cittadino, un'impresa, una società e un'associazione, voglia tutelare i propri diritti a fronte di eventuali mancanze, disfunzioni, abusi o ritardi compiuti dalla Provincia di Novara, dai Comuni convenzionati, dagli enti dipendenti, da società partecipate e concessionari di pubblici servizi, può rivolgersi, gratuitamente, al Difensore Civico Territoriale. L’intervento del Difensore Civico può essere richiesto direttamente, per posta, tramite il sito internet, per fax (0321.378 325), per telefono (0321.378 317) o per e-mail (difensore.civico@provincia.novara.it).

D: “Dove posso trovare carte geografiche della Provincia di Novara?”
R: Carte geografiche di natura turistico/culturale sono a disposizione dell’utenza in formato cartaceo presso l’Ufficio turismo ed attività promozionali sport e tempo libero. Carte di natura politico amministrativa di base del territorio provinciale sono a disposizione in formato digitale (file pdf) presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

D: “Dove posso trovare la CTR (Carta Tecnica Regionale) della Provincia di Novara?”
R: La CTR è visibile sul nostro sito internet all’interno del Piano Territoriale Provinciale sotto il tema Urbanistica

D: “Ci sono studi sui corsi d’acqua della Provincia?”
R: Si, ci sono degli studi, in particolare, dei torrenti Agogna e Terdoppio come approfondimento degli studi PAI che hanno individuato le fasce fluviali. Si trovano presso gli Uffici di Via Greppi, 7, Settore Urbanistica e Trasporti, Funzione Mobilità e Trasporti. Vi sono anche studi sui torrenti Sizzone, Meja ed Arbogna.

D: “Dove posso trovare materiale sulle piste ciclabili della Provincia di Novara?”
R: Il materiale promozionale si trova sia in Provincia, presso gli Uffici di Via Greppi, 7, Settore Urbanistica e Trasporti, Funzione Mobilità e Trasporti, sia presso l’ATL della Provincia di Novara.
Si riferisce ai percorsi ciclabili, della Provincia di Novara, lungo le alzaie dei Canali Cavour, Regina Elena e Diramatore Vigevano.

D: “Cos’è il Contratto di Fiume dell’Agogna?”
R: è un accordo tra Comuni rivieraschi, Provincia, Regione, ARPA, ASL, Enti ed Associazioni di Cittadini per il miglioramento del corso d’acqua, dal punto di vista della qualità ambientale.
Attua il Piano Regionale di Tutela delle Acque ed è una procedura sperimentale che serve come traccia per le future esperienze. Tale procedura, infatti, andrà estesa a tutti i corsi d’acqua della Regione Piemonte.
Il materiale è disponibile sul sito all’indirizzo: www.provincia.novara.it/ContrattoFiumeAgogna/index.php

D: Se sono residente in un Comune non facente parte della Provincia di Novara, ovvero sono concessionario di boa, posto barca, utilizzo scivolo pubblico o altro sul lago Maggiore in un Comune di un’altra Provincia, posso chiedere l’iscrizione nell’Elenco Nautico della Provincia di Novara ed il rilascio del relativo contrassegno e libretto nautico?”
R: Si, previa consegna di tutta la documentazione necessaria debitamente compilata compreso il versamento dell’importo di € 30,00 (Trenta/00), da versarsi sul c/c 17109281 intestato all’Amministrazione Provinciale di Novara – Servizio Tesoreria indicando come causale del versamento: CONTRASSEGNI NATANTI.

D: “Cosa occorre per l’iscrizione all’albo Autotrasportatori e per iniziare l’attività in Conto Terzi?”
R: Occorre presentare la domanda di iscrizione debitamente compilata compreso il versamento di € 50,00 da versare sul c/c 17109281 intestato all’Amministrazione Provinciale di Novara e la tassa di concessione governativa di € 168,00.
La documentazione è disponibile sul sito internet della Provincia.
Gli utenti vengono poi indirizzati alla Motorizzazione per effettuare l’accesso al mercato e di seguito alla Camera di Commercio per inizio attività.

D: “Cosa occorre presentare per il rilascio di una licenza in Conto Proprio?”
R: Occorre presentare la domanda debitamente compilata, compreso il versamento di € 50,00 da versare sul c/c 17109281 intestato all’Amministrazione Provinciale di Novara. La documentazione di cui sopra è disponibile sul sito internet della Provincia.
Gli utenti vengono di seguito indirizzati alla Motorizzazione per l’immatricolazione del mezzo legato alla licenza.

D: Qual è il periodo annuale di accensione dell’impianto termico?
R: Il periodo di accensione in Provincia di Novara va dal 15 ottobre al 15 aprile. I sindaci, a seguito di delibera della giunta comunale, possono ampliare, a fronte di comprovate esigenze, i periodi annuali di esercizio e la durata giornaliera di attivazione degli impianti termici, sia per i centri abitati, sia per i singoli immobili.

D: Con quale frequenza è necessario eseguire la manutenzione dell’impianto termico?
R: Le operazioni di manutenzione ordinaria e verifica del rendimento energetico devono essere eseguite almeno con le seguenti scadenze temporali:

Potenza Tipo combustibile  
  Metano/GPL Liquido/Solido
Inferiori a 35 kW Ogni 2 anni se impianto installato da più di otto anni Ogni anno
Ogni 2 anni generatori di tipo B se installati in locali abitati
Ogni 4 anni per tutti gli impianti
Maggiore o uguale a 35 kW Ogni anno

D: Con quale frequenza deve essere applicato il bollino verde?
R: Il bollino verde deve essere apposto
- Ogni 2 anni per gli impianti di potenza uguale e superiore a 35 kW
- Ogni 4 anni per gli impianti di potenza inferiore a 35 kW
Attenzione quindi: non tutte le volte che si esegue l’attività di manutenzione è necessario apporre il bollino verde

D: Dove trovo l’elenco dei manutentori autorizzati a rilasciare il Bollino Verde?
R: L’elenco dei manutentori autorizzati in Regione Piemonte ad utilizzare i bollini verdi è disponibile sul Sito
www.sistemapiemonte.it/elencom/HomePage.do

D: Cosa si deve fare per poter utilizzare acqua sotterranea o da sorgente per uso DOMESTICO?
R: Per uso domestico si intende l’uso dell’acqua (tramite prelievo da pozzo o sorgente) destinato all’uso igienico e potabile e/o innaffiamento di orti e giardini e/o abbeveraggio di bestiame, purché non sia legato ad un’attività economico-produttiva con finalità di lucro.
Qualora tale utilizzo comporti una portata inferiore ai 2 litri al secondo e comunque un prelievo massimo di 5.000 metri cubi all’anno, non ricade sotto le competenze provinciali per il rilascio della concessione di derivazione idrica, ma dovrà essere autorizzato esclusivamente dall’amministrazione comunale su cui insite l’opera di presa dell’acqua.

D: Si possono utilizzare gli impianti sportivi annessi alle scuole medie superiori della Provincia? E in quale modo ottenere l’autorizzazione?
R: Le società e le associazioni sportive dilettantistiche possono chiedere l’autorizzazione ad utilizzare gli impianti sportivi delle scuole di competenza della Provincia, purché abbiano sede nel territorio del comune dove si trova l’impianto o nei comuni confinanti.
L’autorizzazione viene rilasciata compatibilmente con le esigenze dell’attività didattica. Un regolamento stabilisce i termini dell’utilizzo.

D: Si possono utilizzare le sale di Palazzo Natta e via Greppi a Novara per iniziative culturali, convegni, ecc..?
R: La sala consiliare di Palazzo Natta è riservata all’attività istituzionale del Consiglio e della Giunta; l’autorizzazione delle sale di Via Greppi può essere consentita per iniziative che trovino la condivisione da parte della Provincia di Novara.
Va ovviamente inoltrata una richiesta alla Provincia di Novara e occorre prendere visione anche delle spese da sostenere per l’apertura delle sale nei giorni nei quali gli uffici non sono aperti al pubblico.

D: Come posso richiedere d’intervenire su un’area di proprietà della Provincia di Novara dove non è stata effettuata la manutenzione del verde?
R: La manutenzione del verde viene effettuata in base ad una programmazione annuale; può tuttavia accadere che si verifichino situazioni nelle quali è necessario intervenire prima di quanto previsto: in questi casi i cittadini possono rivolgersi al settore edilizia che provvederà a verificare l’utilità dell’intervento e a porre rimedio.

D: Che cosa si deve fare per iscriversi al Centro per l’Impiego.
R: Ci si deve recare nelle sedi di Novara (Via San Francesco d’Assisi, 12) o Borgomanero (Via Foscolo, 4) semplicemente con un documento d’identità o il permesso di soggiorno per i cittadini stranieri.
L’iscrizione può essere richiesta solo da coloro che hanno residenza e domicilio in provincia di Novara.

D: Come si possono conoscere i corsi di formazione attivi nella provincia di Novara.
R: Il catalogo dei corsi di formazione è liberamente consultabile sul sito della Provincia.
Bisogna soltanto avere riguardo alla categoria di utenti cui si appartiene: le offerte formative infatti sono diverse per i disoccupati, persone che versano in condizioni di disagio, semplici cittadini, ecc.

D: Come posso iscrivere la mia associazione/organizzazione di volontariato alla sezione provinciale del registro regionale?
R: Le associazioni di promozione sociale attive da non meno di sei mesi, con sede legale o operativa in provincia di Novara possono richiedere iscrizione alla sezione provinciale del registro regionale, condizione necessaria per poter partecipare ai bandi per l'assegnazione di contributi finalizzati alla realizzazione di specifici progetti.
Le associazioni di nuova istituzione usufruiscono della consulenza degli uffici provinciali.Una volta iscritte al Registro, sono oggetto dell’attività di monitoraggio da parte delle Provincia che richiederà annualmente di poter disporre del bilancio consuntivo e di una relazione illustrativa dell’attività svolta. Per iscriversi le organizzazioni di volontariato devono presentare la domanda apposita e una relazione accompagnatoria.

D: Ho letto di particolari obblighi relativi all’uso di catene o gomme da neve. Di che cosa si tratta?
R: Con ordinanza annuale si stabilisce che per il periodo invernale i conducenti di autoveicoli circolanti sulle strade provinciali debbano rispettare l’obbligo dell’utilizzo di pneumatici termici (per acqua/neve/ghiaccio) montati sull’autoveicolo, anche di marca differenti tra anteriori e posteriori, o la disponibilità di catene da neve a bordo omologate ed adeguate al tipo di veicolo in uso sulle strade provinciali dove già sono collocati i cartelli che impongono detto obbligo. Le strade interessate sono quelle indicate nella cartografia consultabile sul sito della Provincia. L’obbligo è prorogabile con nuova ordinanza nel caso in cui le condizioni atmosferiche persistano avverse.

D: Sul ciglio delle strade provinciali vedo spesso rifiuti abbandonati. La Provincia è tenuta a rimuoverli?
R: Alla rimozione dei rifiuti abbandonati, quando non sia possibile individuare il responsabile dell’abbandono, occorre che provveda il Comune sul territorio del quale insiste la strada, in applicazione dell’art. 184-lett. d) del D.Lgs. 152/2006: “i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d’acqua.”
E’ dunque al Comune che ci si deve rivolgere.
La Provincia provvederà comunque a inoltrare segnalazioni a lei pervenute ai Comuni di riferimento.

D: C’è una buca pericolosa su una strada provinciale. Cosa devo fare?
R: Occorre provvedere a segnalare immediatamente il pericolo al Settore Viabilità della Provincia di Novara che provvederà ad una verifica ed al ripristino della pavimentazione.

D: Cosa devo fare per ottenere l'autorizzazione alla raccolta funghi?
R: L'autorizzazione alla raccolta è costituita dalla ricevuta di pagamento degli importi stabiliti dalla Regione Piemonte.
La ricevuta di pagamento, sulla quale va apposta marca da bollo, va esibita in caso di controllo con un documento d’identità valido.

D: Come posso ottenere la licenza di pesca dilettantistica e dove e come si paga?
R: Costituiscono licenza di pesca con validità annuale dalla data di versamento le ricevute del pagamento, con bollettino postale o canali telematici, delle seguenti somme:

    con bollettino postale
  • € 12,00 bollettino c/c postale n. 93322337 intestato a Regione Piemonte, piazza Castello 165, 10122 Torino - Tassa Pesca - Causale: Tassa licenza pesca tipo B + codice fiscale del pescatore;
  • € 23,00 bollettino c/c postale n. 1023349101 intestato a Tesoreria Regione Piemonte, piazza Castello 16 - Sovrattassa Pesca Prov. Novara - Causale : Soprattassa licenza Pesca Tipo B + codice fiscale del pescatore
  • oppure
    canali telematici
  • € 12,00 bonifico bancario alla Regione Piemonte utilizzando il codice IBAN: IT62D0760101000000093322337 e indicando come causale: Tassa pesca licenza tipo B + codice fiscale del pescatore
  • € 23,00 bonifico bancario Tesoreria Regione Piemonte Sovrattassa Pesca Prov. Novara - utilizzando il codice IBAN: IT02Q0760101000001023349101 indicando come causale: Soprattassa Pesca Tipo B + codice fiscale del pescatore
D: Sono incorso in un sinistro stradale perché un animale selvatico mi ha attraversato la strada. Posso avere un rimborso dei danni subiti?
R: Entro 30 giorni dal sinistro, occorre presentare alla Provincia, utilizzando gli appositi moduli, domanda e documentazione prevista per poter accedere al fondo di solidarietà che la Regione Piemonte annualmente istituisce.
La liquidazione di parte del danno avverrà solo in presenza di fattura di riparazione e purché il fondo regionale risulti ancora capiente.

D: Per chi desidera cominciare l'attività di allevatore e intende acquistare le quote latte, a chi si deve rivolgere? Quante se ne possono acquistare? In funzione di quale parametro? Quanto costa acquistare le quote?
R: Tutte le informazioni sulle quote latte possono essere reperite presso le Associazioni produttori latte e le Organizzazioni professionali agricole che operano nella Sua zona.

D: Devo rinnovare il “patentino” per l’acquisto e l’uso dei prodotti fitosanitari ma non ho il titolo di studio. come devo fare?
R: Prima della scadenza del “patentino” riceverà a casa una lettera della Provincia con la quale sarà convocato a sostenere un esame per il rinnovo. L’esame dovrà essere preparato in auto-apprendimento utilizzando la “Guida all’uso dei prodotti fitosanitari” edita dall’Assessorato Regionale Agricoltura e distribuita a titolo gratuito presso il Settore Agricoltura della Provincia di Novara o scaricabile da questo link:
http://www.regione.piemonte.it/agri/area_tecnico_scientifica/settore_fitosanitario/dwd/guida_fitosanitari.pdf
Per essere ammesso all’esame dovrà prima effettuare un versamento di € 10 sul conto corrente intestato alla Tesoreria della Provincia di Novara con la causale del versamento: "quota di iscrizione all’esame per il rinnovo del patentino per l'acquisto e l'impiego dei prodotti fitosanitari" e dovrà consegnare alla Commissione d’esame la ricevuta dell’avvenuto pagamento.
A seguito del superamento dell’esame scritto che consiste nella compilazione di un questionario di 20 domande, le sarà rilasciato un attestato con il quale potrà richiedere il rinnovo del “patentino”.

D: Ho un passo carrabile su una strada provinciale. Che cosa sono tenuto a fare?

R: Occorre richiedere alla Provincia il rilascio del permesso e del cartello, ricordando che la Provincia rilascia permessi e cartelli sulle SP nei tratti posti fuori dei centri abitati. Per i passi carrabili che si trovano nei centri abitati occorre riferirsi ai Comuni.

D: Dove trovo i concorsi pubblici della Provincia di Novara?
R: I bandi di concorso pubblico vengono pubblicati all’albo pretorio on line sul sito della Provincia.

D: Posso inviare un curriculum vitae alla Provincia di Novara?
R: La Provincia di Novara non può rifiutare il deposito di un curriculum vitae.
Tuttavia per lavorare presso la pubblica amministrazione occorre partecipare a pubblici concorsi ed anche per l'assegnazione di incarichi a tempo determinato occorre rispondere ad avvisi di selezione pubblici, tutti consultabili sul sito della Provincia.

D: Percorrendo una strada provinciale, a causa di una buca, ho avuto un danno. E’ possibile chiedere un rimborso?
R: Il danneggiato deve presentare quanto prima la denuncia del sinistro e comunque entro cinque anni dall’evento, unitamente alla richiesta di risarcimento utilizzando l'apposito modulo.
L'ufficio contenzioso, dopo aver ricevuto la denuncia, provvede all'inoltro della stessa alla compagnia assicurativa dandone comunicazione all'interessato.
La Compagnia di Assicurazione valuterà l'eventuale liquidazione sulla base delle contro deduzioni del Settore Tecnico Viabilità della Provincia.

D: Che cosa occorre fare per svolgere una professione turistica (guida, accompagnatore)?
R: Lo svolgimento delle professioni di guida turistica e accompagnatore turistico nella nostra Regione è disciplinato dalla L.R. 26 novembre 2001, n.33 e dalla deliberazione della Giunta Regionale del Piemonte n.27-11643 del 22 giugno 2009.
Secondo tale normativa occorre, di norma, aver frequentato appositi corsi e superato un esame finale per conseguire gli attestati di abilitazione e il rilascio dei relativi tesserini.
I corsi vengono svolti dalle agenzie formative del territorio. Il corso non è necessario per coloro che siano in possesso di laurea in lettere con indirizzo in storia dell'arte o archeologia o titolo equipollente per l'esercizio della professione di guida e di una laurea in materia turistica o titolo equipollente per l'esercizio della professione di accompagnatore turistico.
E’ comunque necessario per la professione di guida una verifica sulla conoscenza delle lingue straniere e del territorio di riferimento e per la professione di accompagnatore turistico l’accertamento delle conoscenze previste nel programma che non compaiono nel corso di studi.

D: Chi può presentare domanda di partecipazione al Servizio Civile Nazionale?
R: La domanda di partecipazione può essere presentata solo dopo la pubblicazione del relativo bando di selezione sulla Gazzetta Ufficiale e nei termini previsti dal bando stesso. I requisiti di partecipazione sono specificati in ogni bando.
Per essere informati sull’apertura del prossimo bando consultare www.novaragiovani.it o o facebook novaragiovani